«

»

ott 26 2012

Week end al cinema

Andiamo al cinema nel week-end? Ecco i nostri consigli. “Amour” di Michaele Aneke, Palma d’Oro all’ultimo Festival di Cannes. La storia di un’anziana coppia di musicisti; lei si ammala gravemente e lui la accudisce con amore infinito; un capolavoro e grande accoppiata di attori (Isabelle Huppert e Jean Louis Trintignant). Il bel noir di William Friedkin “Killer Joe”: un agente federale diventa sicario di professione e deve uccidere la madre di uno spacciatore violento, inteso, duro e avvincente. Assolutamente da vedere “On the road”, di Walter Salles. Tratto dal famosissimo racconto di Jack Kerouac, manifesto di tutta la Beat Generation: Sal e Dean sulle strade d’America far sogni, speranze, eccessi e desiderio di conoscenza. Il film riuscito e che restituisce perfettamente  lo spirito di una generazione.  “Monsieur Lazhar”, di Philip Falardeau, candidato all’Oscar, segue le vicende di un misterioso insegnante algerino, supplente in una classe a seguito del suicidio della maestra; opera commovente ma non patetica, sul cammino verso l’età adulta. “Un sapore di ruggine e ossa”, di Jacques Audiard; due esistenze marginali si incontrano: un addestratrice di orche che ha perso gli arti inferiori e un disoccupato amante della boxe; struggente, asciutto e melò al punto giusto.   “Reality” (di Matteo Garrone) segue le vicende di un pescivendolo partenopeo che vuole entrare nella casa del “Grande Fratello” e perde il contatto con la realtà; il film, premiato a Cannes – tra commedia e dramma – coglie perfettamente il desiderio di ottenere una vita migliore grazie alla televisione; la mano di Garrone è sempre incisiva. Interessante è anche “Words” (B. Klugman e L. Stendhal): un giovane trova un manoscritto, lo pubblica a suo nome e raggiunge il successo, ma si presenta il vero autore; ben costruito a “scatole cinesi”, intrigante e anche raffinato, il film  – pur potendo apparire troppo mentale – è davvero raffinato.  Antonio Infuso

 

Switch to our mobile site