«

»

nov 06 2012

SUPERGA: La stagione 2012/2013

Si alza il sipario sulla XII stagione del Teatro Superga, fiore all’occhiello della città e ormai punto di riferimento culturale per tutta la provincia. Denso e ricco di novità il cartellone 2012/2013 che è stato presentato ieri, 5 novembre,  sul palcoscenico di piazzetta Macario. Presenti l’Assessore alla Cultura Alessandro Azzolina, il Direttore Artistico, Andrea Battistini, Vera Pastore (Fondazione Piemonte dal Vivo), Raffaella Gitto (Direzione Stagione Lirica), Paola Lemetre (Dottor Bostik UnoTeatro/Teatro per tutti) La programmazione della lirica, con otto “messe in scena”, prevede – far gli altri –  “Il Flauto magico” (Mozart), “Tosca” (Puccini), “Otello” (Verdi) e il balletto “Romeo e Giulietta” (Prokofiev). Da anni, ormai, il cartellone del “recitar cantando” registra il “sold out”, connotando il Superga come una vera e propria “Casa della lirica” a livello regionale. Tutto ciò grazie anche alla Compagnia di San Paolo che da anni sostiene l’attività lirica del Superga. Da quest’anno, ecco la prima novità, spazio anche alla musica concertistica, con quattro appuntamenti, dedicati a Mozart, Rossini, Puccini e alla figura della donna nella musica del novecento. Ampliata la rassegna della prosa, con ben dieci spettacoli che prevedono incursioni nei vari generi, in una commistione che unisce qualità, impegno e divertimento. Ospiti nomi importanti tra cui Ottavia Piccolo, Peppe Servillo e Simone Cristicchi. La stagione d prosa è organizzata con il contributo e la collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo. Non potrà mancare la rassegna della domenica pomeriggio, “Tutti a teatro”, con quattro rappresentazioni adatte per adulti e bambini, allestiti in collaborazione con il Teatro Ragazzi e Giovani Piemonte/Dottor Bostik UnoTeatro Ma altre due, oltre al programma concertistico, sono le novità: il teatro d’appartamento (rodato sul finire della scorsa stagione) e la musica d’appartamento che spazia dal classico, al blues fino alla tradizione partenopea. “Quest’anno – spiega l’Assessore alla Cultura, Alessandro Azzolina – si è voluto rinnovare la programmazione, ampliando il ventaglio di offerte e cercando di portare la cultura in tutti i luoghi, anche nelle abitazioni. E’ una scommessa sul futuro. Ringraziamo la Compagnia San Paolo, la Fondazione Piemonte dal Vivo, il Teatro Ragazzi e Giovani Piemonte/Dottor Bostik UnoTeatro Teatro Castalia, Regione Piemonte e  Provincia di Torino”. “Quattordici anni fa abbiamo accettato una sfida ardua – aggiunge il sindaco. Giuseppe Catizone – cercando di costruire un teatro pubblico e un polo culturale che unisse qualità e prezzi accessibili. Oggi siamo una bella realtà”. La crescita del teatro Superga continua. (Antonio Infuso)

Seguono dettagli sulle varie rassegne, schede spettacoli e prezzi abbonamenti/biglietti.

XII STAGIONE LIRICA

 

Sabato 24 novembre 2012– ore 20.30

“IL FLAUTO MAGICO”, di W. A. Mozart

Orchestra Filarmonica del Piemonte

Sabato 22 dicembre  2012 – ore 20.30

“GRAN GALÀ DELLA MUSICA ITALIANA”, presenta Bruno Gambarotta

Orchestra Filarmonica del Piemonte

Sabato 12 gennaio 2013 – ore 20.30

“LUISA MILLER”, di G. Verdi

Orchestra Filarmonica del Piemonte

Sabato 26 gennaio 2013 – ore 20.30

“ROMEO E GIULIETTA”, di S. Prokofiev

Rostov State Opera Ballet

Sabato 23 febbraio 2013 – ore 20.30

“LA PRINCIPESSA DELLA CZARDA”, di E. Kalman

Orchestra Sinfonica Cantieri d’Arte

Sabato 23 marzo 2013– ore 20.30

“WERTHER”, di J. Massenet

Orchestra Sinfonica Cantieri d’Arte

Sabato 20 aprile 2013 – ore 20.30

“TOSCA”, di G. Puccini

Orchestra Sinfonica Cantiere d’Arte

Sabato 25 maggio 2013 – ore 20.30

“OTELLO”, di G. Verdi

Orchestra Sinfonica Cantiere d’Arte

 

 

I STAGIONE MUSICA CONCERTISTICA

Domenica 2 dicembre 2012 – ore 21.00

SESTETTO BALTHASAR

Angelillo, Nicoletta, Cipolletta, Gasbarri, Dindo, Filagna

Musiche di Mozart

Venerdì 1 Febbraio 2013  – ore 21.00

QUARTETTO DEL TEATRO REGIO DI TORINO

Vagnarelli, Polidori, Cipolletta, Lukic

Musiche di Donizetti, Puccini, Rota/Beethoven, Smetana

Venerdì 1 Marzo 2013  – ore 21.00

BELLISSIME

Cordero, Valdenassi, Fabbri, Motta Fré, Laguzzi

La figura femminile attraverso musica e parole del Novecento

Venerdì 5 Aprile 2013  – ore 21.00

ROSSINI STRINGS ENSEMBLE

Bacci, Maltagliati, Miroglio, Schiavolin

Musiche di Rossini

 

 

STAGIONE DI PROSA

Spettacoli alle ore 21.00

 

 

Mercoledì 21 novembre 2012

SPASSIUNATAMENTE

con Peppe Servillo e Solis String Quartet

Vincenzo Di Donna (violino)

Luigi De Maio (violino)

Gerardo Morrone (viola)

Antonio Di Francia (cello)

KINO MUSIC S.R.L.

 

“Spassiunatamente”, Napoli. Firmato Peppe Servillo. Il Teatro Superga propone uno spettacolo originale, che ha già riscosso successo in tutta Italia. Quella di Nichelino è l’unica data in Piemonte. “Spassiunatamente” vede sul palco, l’attore Peppe Servillo e il Solis String Quartet, composto da Vincenzo Di Donna (violino), Luigi De Maio (violino), Gerardo Morrone (viola) e Antonio Di Francia (cello). Teatro e musica si incontrano per un tributo appassionato alla tradizione popolare napoletana, quindi dai classici della musica partenopea firmati da Raffaele Viviani fino a Renato Carosone. Lo spettacolo-concerto segue una formula artistica ben precisa, che spoglia di tutti gli orpelli questi capolavori, rendendoli assolutamente eleganti e raffinati, senza perdere forza ed incisività che ne hanno decretato il successo mondiale. Il concerto è arricchito anche da una piccola parte strumentale e da brevi interventi di lettura.

 

Sabato 15 dicembre 2012

MIO NONNO E’ MORTO IN GUERRA

voci, canzoni e memorie della seconda guerra mondiale

di e con Simone Cristicchi

pianoforte e fisarmonica: Riccardo Ciaramellari

DUEFFEL MUSIC & PROMO MUSIC

In collaborazione con Istituzione Teatro Comunale di Cagli

Sono 14 i personaggi protagonisti di questo spettacolo, condotto dal cantante, in questo caso autore teatrale, Simone Cristicchi. Sono le storie di 14 piccoli eroi quotidiani che hanno attraversato o sono stati attraversati da un terremoto della Storia, la seconda guerra mondiale. Storie di bombardamenti nelle borgate, di fame, storie di madri coraggiose, di prigionieri in Africa, di soldati nella ritirata di Russia, di lotta partigiana e di fascisti. Campi di concentramento ed esuli fuggiti dall’Istria. Alternando registri vocali e stilistici, Cristicchi dà vita ad ogni singolo personaggio, a questo album di ricordi che ancora gridano rabbia per un dolore gratuito ed inutile. Inoltre si affiancano brani scelti dal repertorio della canzone popolare e d’autore: De Gregori, Fossati, Vian, canti alpini reinterpretati per voce e pianoforte. Parole narrate, parole cantate, che raccontano la stupidità, l’assurdità della guerra, ma soprattutto l’umanità nascosta tre le macerie, in un caleidoscopio di voci capaci di divertire e commuovere.

 

Martedì 8 gennaio 2013

A PIEDI NUDI NEL PARCO

di Neil Simon

Con Gaia De Laurentiis e Stefano Artissunch

regia di Stefano Artissunch

Synergie Teatrali

La commedia racconta la storia di Paul e Corie Bratter, reduci da un’appassionata luna di miele a New York. La loro vita coniugale inizia con il sospirato ingresso nella loro prima casa, all’ultimo piano di in vecchio palazzo senza ascensore. La scomoda sistemazione e la presenza nelle loro vite della madre di Corie, e il signor Velasco, eccentrico inquilino, bastano a mettere a dura prova la loro serenità matrimoniale e fanno emergere le loro differenze caratteriali: Paul è serio, giudizioso, tanto quanto Corie è appassionata, romantica. In una serata a quattro, vengono ben presto a crearsi eccentriche alleanze: Corie e Velasco s’intendono alla perfezione, mentre Ethel e Paul subiscono le stravaganze dei loro “antagonisti”. E, come spesso accade, i folli e gli incassatori finiscono per compensarsi e rimettere il bilancio della vita in pari.

 

Sabato 19 gennaio 2013

NON CE NE IMPORTA NIENTE

di Giorgio Bozzo

con Le Sorelle Marinetti e l’Orchestra Maniscalchi

regia di Max Croci

P-NUTS S.R.L

“Non ce ne importa niente” non è un semplice concerto, ma una vera e propria pièce musicale, che propone allo spettatore un viaggio temporale a ritroso, verso gli anni ’30. Anni di grandi inquietudini, per l’approssimarsi all’orizzonte di nubi nere, ma anni di voglia di evasione e di spensieratezza che, grazie alla scuderia di autori, cantanti e direttori d’orchestra dell’Eiar (l’Ente Italiano Audizioni Radiofoniche, da cui sarebbe poi nata la RAI), ha prodotto un repertorio di canzoni che ancora oggi mettono buon umore. Interpreti di questo viaggio sono Le Sorelle Marinetti, un trio di “ragazze” davvero particolari che, affascinate dall’esperienza artistica e umana del Trio Lescano, si calano nei panni di tre signorine degli anni ’30 per raccontare con gustosi sketch la società del tempo e per interpretare i più grandi successi dei quegli anni in perfetto falsetto e “canto armonizzato”. A sostenerle, Christian Schmitz , al pianoforte e Adalberto Ferrari al clarinetto.

 

Venerdì 15 febbraio 2013

DECAMERONE – AMORI E SGHIGNAZZI

adattamento drammaturgico e regia di Ugo Chiti

da Decamerone di G.Boccaccio

con Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci, Teresa Fallai, Alessio Venturini

ARCA AZZURRA TEATRO

Gli sghignazzi delle beffe, i travestimenti, le doppiezze divertite al limite dell’iconoclastia, gli amori assoluti, i sacrifici estremi, la tragicità solenne degli innamoramenti contrastati o negati diventano materia drammaturgica e gioco squisitamente teatrale. Tutti, uomini e donne, in quella grandiosa  commedia umana che è il Decamerone, si muovono passando dal comico al tragico con lussureggiante invettiva. Uomini e donne colti in perenne movimento che è equilibrio e balletto, rappresentazione reale e metaforica della vita osservata con occhio sarcastico e dolente assieme. Prosegue il viaggio di Ugo Chiti nelle novelle di Giovanni Boccaccio: dopo Decameron-Variazioni, “Amori e sghignazzi” percorre con maggiore leggerezza le pagine del grande autore, celebrandone i repentini passaggi dal comico al tragico, dal satirico al filosofico.

 

Sabato 9 marzo 2013

MADAMA BOVARY

scritto e interpretato da Lorena Senestro

liberamente ispirato a Madame Bovary di Gustave Flaubert

con brani tratti da Guido Gozzano

regia di Massimo Betti Merlin e Marco Bianchini

TEATRO DELLA CADUTA con il sostegno della Regione Piemonte-SPETTACOLO FINALISTA PREMIO SCENARIO 2011

L’universo di Flaubert e l’ambientazione di Madame Bovary sono prossimi alla bruma che aleggia sui prati della pianura padana, ai personaggi che popolano una certa piemontesità. Individuano i caratteri propri della vita di provincia, la provincia nella sua dimensione assoluta, esistenziale. Lorena Senestro reinventa una Emma Bovary dei nostri giorni, in chiave piemontese. I personaggi e le atmosfere dei personaggi, oltre che per bocca di Flaubert, sono rievocate attraverso versi di Guido Gozzano e filtrate dall’autobiografia dell’attrice (che è anche autrice del testo). Lo spettacolo pone al centro l’attore e le sue potenzialità espressive, alla riscoperta della modernità e della forza evocativa dei classici della letteratura a teatro. Affronta tematiche di grande attualità: la paura di agire, le false chimere, la dialettica tra città e provincia, tra nuovo e tradizione. Attraverso un’altalena di sensazioni, situazioni e registri, lo spettatore viene condotto in un mondo inventato, generato dall’immaginazione creatrice di Emma Bovary.

 

 

Sabato 16 marzo 2013

NON PER UN DIO

(ma nemmeno per gioco)

Fabrizio Cotto (chitarra e voce), Gigi Venegoni (chitarre), Piero Mortara (fisarmonica e pianoforte), Angelo Ieva (basso), Fabrizio Gnan (percussioni).

“Voce dalla collina” Michele di Mauro

Allestimento e regia di Lucio Diana

EFFECI MUSIC

Fabrizio De Andrè ed Edgar Lee Master cosa hanno in comune? La risposta potete trovarla assistendo a “Non per un dio (ma nemmeno per gioco)”, spettacolo tra musica e recitazione, per la regia di Lucio Diana. In scena, Michele di Mauro insieme al gruppo NuvoleIncanto, composto da: Fabrizio Cotto (chitarra e voce), Gigi Venegoni (chitarre), Piero Mortara (fisarmonica e pianoforte), Angelo Ieva (basso), Fabrizio Gnan (percussioni). Perché De Andrè e Lee Master? Perché l’attore Michele di Mauro, durante lo spettacolo, rievoca la “Collina” raccontata da Lee Master, nel suo libro più celebre, “L’Antologia di Spoon River”, per illustrare i personaggi delle canzoni di De Andrè, che rivivono anche nelle canzoni interpretate da NuvoleIncanto. Di volta in volta appaiono così quei personaggi e quelle storie legate alla guerra, all’amore, alla religione e alla vita quotidiana che hanno sempre popolato la poetica di De Andrè. Le canzoni “rilette” sono quelle più celebri, da Bocca di rosa a Fiume Sand Creek, da Geordie al Suonatore Jones.

 

Martedì 26 marzo 2013

DONNA NON RIEDUCABILE

Di Stefano Massini

con Ottavia Piccolo

musiche per arpa eseguite dal vivo da Floradela Sacchi

LA CONTEMPORANEA S.R.L.

Il monologo illustra l’esistenza quotidiana della Politkovskaja attraverso una ventina di quadri o istantanee, che mostrano i diversi momenti della sua vita e del suo lavoro, il più delle volte coincidenti, come per chi ha scelto con amore devoto un mestiere e per quest’ultimo vive e lotta, fino alla morte. E’attraverso quelle stesse immagini impresse nel ricordo vivo della giornalista russa, che i suoi pensieri, il suo punto di vista, le sue paure, la sua forza, le sue emozioni vengono restituite da Ottavia Piccolo con un’obiettività spiazzante, che si mette a servizio di Anna così come quest’ultima lo era stata del suoi mestiere. Il risultato è un’Ottavia che si presta con generosità e coraggio estremi al racconto di una storia semplice, diretta, all’insegna di una verità che non può essere occultata, a maggior ragione se c’è di mezzo un cadavere, quello della protagonista, e che spiattella in faccia a tutti per un insopprimibile diritto di cronaca o semplicemente per non dimenticare.

 

 

Sabato 13 aprile 2013

COMIZI D’AMORE

liberamente ispirato a Comizi d’amore di Pier Paolo Pasolini

con Antonio Damasco, Valentina Padovan,

regia di Antonio Damasco

progetto musicale in collaborazione con Massimo Bubola

TEATRO DELLE FORME

Cosa domanderebbe oggi Pier Paolo Pasolini agli italiani? Quali domande fanno ancora discutere il nostro Paese? Cinquanta anni dopo, insieme a Tullio De Mauro, riprendiamo quel microfono per capire il costume e le contraddizioni di un paese eternamente in bilico tra passato e futuro. Nel 2013, quali sono quelle domande che possono risultare scandalose, imbarazzati, difficili da fare pubblicamente? Che impatto sociale possono avere le risposte se apertamente condivise? Nel 1963, Pier Paolo Pasolini e il produttore Alfredo Bini devono girare l’Italia per trovare location e volti per il nuovo film del regista, “Il Vangelo secondo Matteo”. Pasolini da un po’ di tempo ha un chiodo fisso: conoscere le opinioni degli italiani sulla sessualità, l’amore e il buon costume e vedere come sia cambiata negli ultimi anni la morale del suo paese. Cinquant’anni dopo, le domande del poeta fanno ancora discutere e domande nuove si affacciano con altrettanto impeto e necessità. Il nostro viaggio parte da qui…

 

Domenica 5 maggio 2013

LA DODICESIMA NOTTE

da William Shakespeare

adattamento e regia Andrea Battistini

Compagnia Teatro di Castalia/Teatrul National M. Eminescu-Moldova

Il teatro di William Shakespeare. Con “La dodicesima notte”, il cartellone del teatro Superga si arricchisce ulteriormente. L’opera del drammaturgo inglese viene presentata nell’adattamento di Andrea Battistini. “La dodicesima notte” racconta la storia di Viola e Sebastiano, due gemelli, orfani di genitori. I due giovani si trovano su una nave che, durante una terribile tempesta, naufraga sulle coste dell’Illiria, una terra immaginaria tra Italia e l’Oriente. Viola, che si salva dal naufragio, travestita da ragazzo, con il nome di Cesario, riesce ad entrare al servizio del Duca Orsino, l’uomo più potente dell’Illiria, di cui si innamora subito. Orsino, invece, è innamorato, senza essere ricambiato, della bella contessa Olivia. La storia, ovviamente, si complica. Il Duca, lontano dall’immaginare il travestimento del giovane paggio, lo fa suo confidente e lo incarica di comunicare alla contessa le sue pene d’amore. La giovane contessa, però, si innamora di Viola-Cesario. Una commedia che regala poetici incroci, equivoci e cambi di direzione, fino ad un inevitabile lieto fine.

 

 

 

TUTTI A TEATRO (per famiglie)

 

Bambini, siete pronti? Allora, “Tutti a teatro”. Anche quest’anno, torna la rassegna per i più piccoli, organizzata in collaborazione con TeatroUno/Dottor Bostik. Quattro spettacoli, tra gennaio e aprile, di domenica pomeriggio, alle ore 16. Si parte il 20 gennaio: il Cirko Vertigo mette in scena “Kabaret Vertigo”, uno spettacolo di poesia, arte e creatività miscelata con l’arte circense; danze di nastri, clave e corpi che sembrano ridefinire le leggi della gravità restituendo una dimensione magica, comica ed eccentrica del mondo reale. Una perfetta commistione tra teatro e circo. Il 17 febbraio, arriva il momento della fiaba di “Raperonzolo”, dei fratelli Grimm, e interpretata, in questa versione, dalla compagnia Pupi di Stac di Firenze. Un povero contadino, per accontentare la moglie incinta, ruba dei raperonzoli da un orto misterioso. La Strega, padrona degli ortaggi, scopre il furto e predente per sé la nascitura, pena la morte. Il 17 marzo è il turno de  “La Gatta Cenerentola”, compagnia teatrale “Oltreilponte Teatro”, regia di Beppe Rizzo, sul palco insieme a Fabiana Ricca. Spettacolo di pupazzi e musiche dal vivo, che riprende la tradizionale fiaba di Cenerentola, ma nella sua antica versione italiana; la protagonista si chiama Zezolla, soprannominata Gatta Cenerentola, ha due matrigne e sei sorellastre, viene segregata e disprezzata all’interno della famiglia, ma con il passare del tempo diventerà ragazza e poi adulta e, grazie al sostengo delle fate dell’isola di Sardegna, riuscirà nel difficile compito di affrontare il mondo fuori dall’angusto contesto famigliare. Ultimo appuntamento, sabato 7 aprile. Il “Nata Teatro” di Arezzo presenta “Emanuele e il Lupo”, uno spettacolo teatrale di pupazzi, con Livio Valenti e Michele Mori. Lasciata la casa dei suoi genitori, il giovane Emanuele si mette in viaggio, finché arriva in un bosco dove decide di fermarsi. Comincia a costruire la sua casa in una luminosa radura, ma non sa che il lupo, nascosto tra i cespugli, lo sta spiando. Il biglietto d’ingresso costa 5 euro. I bambini fino ai 3 anni d’età entrano gratis.

 

 

 

TEATRO D’APPARTAMENTO – IL PALCOSCENICO IN CASA

 

Driiinnn…  “Sì, chi è? “Siamo noi, signora. Il teatro a casa sua”. “Prego, secondo piano”. Non è lo stralcio di un copione ma è, invece, quanto potrà accadere, sfruttando la possibilità data dal “Teatro di appartamento”, l’iniziativa dell’Assessorato alla Cultura in collaborazione con il Teatro Castalia, proposta sul finale della scorsa stagione e che viene confermata. Quattro attori di teatro arriveranno a casa vostra per interpretare, in cucina o in salotto, un’opera teatrale. E’ sufficiente prenotare lo spettacolo telefonando al Teatro Superga allo 011.6277575 oppure al 334.3115012, o inviare una mail a dzeide@yahoo.com. Le opere tra le quali si può scegliere sono: “La patente” e “L’uomo dal fiore in bocca” di L. Pirandello, “Orecchiette e bagna cauda” di Totò Onnis e “Il Gattopardo”, un reading da Tommaso di Lampedusa, “Fruttaland”, ovvero animazione intorno ad una corretta alimentazione, e “Pinocchio”, altro reading dall’opera di Collodi. Gli attori impegnati sul “palco” di casa vostra saranno: Alessandro Buggiani, Totò Onnis, Stefania Rosso e Daniela Vassallo. Il coordinamento artistico è di Andrea Battistini e l’organizzazione è a cura di Daniela Benassi.

 

 

MUSICA D’APPARTAMENTO

 

Stasera ho proprio voglia di ascoltare un po’ di buona musica, dal vivo, direttamente a casa mia. Detto, fatto. Grazie all’iniziativa “Musica in camera – Si prega di disturbare”, i nichelinesi potranno organizzare un concerto nel proprio salotto. Il progetto è promosso dall’Assessorato alla Cultura, insieme alle associazioni “ArteMusica di Nichelino”, “Associazione culturale musicale” e con l’accademia musicale “Ars Nova”. Per avere la musica in casa, è sufficiente prenotarsi, telefonando all’ufficio cultura, 011.681.92.71/011.681.92.69 oppure inviando una mail a culturali@comune.nichelino.to.it. Bisogna anche specificare il genere di musica che si vuole ascoltare. Ampia la scelta: il “Trio Flauti”, propone musiche di Mozart e Chopin. Altri gruppi porteranno, percussioni, chitarre e pianoforte per suonare blues o canzoni napoletane. Ma anche canti natalizi con un coro di bimbi, oppure i “Giovani Talenti” suoneranno musiche di Antonio Vivaldi. Non resta che scegliere, ed invitare amici, parenti e vicini di casa.

 

 

 

ABBONAMENTI – BIGLIETTI

STAGIONE LIRICA

 

ABBONAMENTO COMPLETO (8 titoli)

Platea: Euro 168 – Galleria: Euro 112

 

ABBONAMENTO a 4 titoli

Platea: Euro 88 – Galleria: Euro 60

 

SINGOLO BIGLIETTO

Platea: Euro 25 – Galleria: Euro 17

Promozione “Under 30”: Euro 18 (platea) – Euro 14 (galleria).

 

STAGIONE CONCERTISTICA

 

SINGOLO BIGLIETTO: Euro 5

 

STAGIONE DI PROSA

 

ABBONAMENTO FEDELTA’ (10 titoli)

Platea Intero: Euro 150 – Platea Ridotto: Euro 120

Galleria Intero: Euro 120 –Galleria Ridotto: Euro 100

 

ABBONAMENTO a 6 titoli TIPO A

(Spassiunatamente, Mio nonno è morto in guerra, A piedi nudi nel parco, Non ce ne importa niente, Non per un dio, Comizi d’amore)

 

ABBONAMENTO a 6 titoli TIPO B

(Spassiunatamente, A piedi nudi nel parco, Decamerone, Madama Bovary, Donna non rieducabile, La dodicesima notte)

Platea Intero: Euro 84 – Platea Ridotto: Euro 66

Galleria Intero: Euro 66 – Galleria Ridotto: Euro 54

 

BIGLIETTI SINGOLI SPETTACOLI

Platea Intero: Euro 17 – Platea Ridotto: Euro 14

Galleria Intero: Euro 14 – Galleria Ridotto: Euro 12

 

RASSEGNA  “TUTTI A TEATRO” 

Biglietto singolo spettacolo Euro 5

(ingresso omaggio per i bambini al di sotto dei 3 anni)

 

VOUCHER “NICHELINO CITTA’”

Visto il successo delle scorse stagioni, anche quest’anno “Nichelino città” pubblicherà un voucher che consentirà di assistere ad alcuni spettacoli di prosa a prezzi agevolati.

 

Il Teatro Superga ringrazia per il contributo e il supporto la Compagnia San Paolo (Lirica), la Fondazione Teatro Regio, la Fondazione Piemonte dal Vivo (Prosa), il progetto Teatro Ragazzi e Giovani Piemonte/Dottor Bostik UnoTeatro (Tutti a Teatro), Teatro Castalia, Regione Piemonte e  Provincia di Torino.

 

 

Switch to our mobile site