«

»

ott 07 2013

Superga: ecco il cartellone 2013/2014

 

Quasi tutto pronto per la XIII stagione artistica del Teatro Superga.  Il cartellone della lirica (ore 20.30), piatto forte di piazzetta Macario, propone: “Attila” (16/11), “La Traviata” (14/12), “Cavalleria Rusticana/I pagliacci” (18/1/14), “Don Chisciotte” (8/2), “Il paese dei campanelli” (22/2), “Madama Butterfly” (22/3), e “Elsir d’Amore” (26/4), “Un ballo al Savoy” (17/5). Definita anche la seconda rassegna concertistica (ore 21) che presenta: “Archintanghi” (31/1/14,. tango e canzoni, poesia e racconti di autori erranti), “Quintetto Prestige” (28/2, Mozart, Bizet, Zemlinsky, Brahms, Rossini ), “Clarivoces Ensemble” (15/3, Ellington, Parker, Mancini, Abreu, Miller, Copland, Dorham, Mussorgskij, Monti, Emerson, Lake & Palmer), “C’era una volta il cinema” (13/4, Rota, Williams, Morricone, Carpi, Barry, Piovani, Broughton ). Sul palco si esibiranno gli Artisti del Teatro Regio. Per la prosa, 10 spettacoli in cartellone: “Servo per due” (13/11), “Inferno” (28/11, danza), “La bella… Giselle” (5/12, danza), “Uomo e galantuomo” (18/12), “Moliere o il malato immaginario” (10/1/14), “Zio Vanja” (5/2), “Hamlets” (14/2), “L’avaro” (14/3), “L’impresario di Smirne” (29/3), “Lisistrata” (12/4). La rassegna “Tutti a teatro” (ore 16, festivi) vedrà in scena: “Twiribo” (6/1/14), “Ho visto un lupo” (2/2), “Diapason”, (16/”2), “Dove vanno a finire i palloncini” (9/3) e “L’omino della pioggia” (30/3). “Questa tredicesima stagione del Superga – spiega l’Assessore alla Cultura, Alessandro Azzolina – oltre a essere un importante traguardo, vede l’ampliamento  del cartellone della prosa, con la danza, la sezione “Off” e con uno spettacolo di nostra produzione. Abbiamo cercato di incrementare l’offerta e, in un momento di crisi come quello attuale, abbiamo abbassato o mantenuto inalterati i costi di ingresso e per gli abbonamenti”. Info/abbonamenti: Teatro Superga – Piazzetta Macario – tel. 011.6279789 –  dal giovedì al sabato. ore 15.30/19.30 – e-mail info@teatrosuperga.it Antonio Infuso

Switch to our mobile site