«

»

giu 17 2014

Maturità: notte prima degli esami

maturita(Antonio Infuso). “Notte prima degli esami…”, cantava Venditti.  E, domani,  mercoledì 18,  inizia – con la prova di italiano – l’avventura della maturità per quasi 500.000 studenti di tutte le scuole superiori italiane. Consueto il ventaglio di scelte: analisi di un testo letterario, produzione di un saggio breve o di un articolo di giornale (questi due nei diversi ambiti di riferimento e dunque storico-politico, socio-economico, artistico-letterario, tecnico-scientifico), il tema di argomento storico o di attualità. L’operazione “plico telematico”, intanto, è già partita e oltre il 50% delle scuole ha ‘scaricato’ le tracce che tuttavia restano criptate. Saranno visibili soltanto mercoledì perchè la chiave per ‘leggerle’ è doppia: una per ogni commissione e l’altra, la cosiddetta “chiave-ministero”, sarà fornita da viale Trastevere soltanto la mattina stessa della prova. Tracce che quest’anno hanno viaggiato su un server parallelo a scopo precauzionale. Il portale Sidi, il ‘cervellone’ che normalmente gestisce esami di Maturità, trasferimenti e organici, é andato, infatti, in tilt per alcuni giorni e solo in queste ore il servizio sta tornando gradualmente alla normalità. Intanto, gli studenti consumano i riti di sempre. Al ripasso dell’ultima ora si affianca l’affinamento delle tecniche di copiatura e operazioni scaramantiche (le più incredibili, dal vestiario alle frasi propiziatorie) Il grande nemico da combattere, per i prof della commissione, sarà lo smartphone. Secondo un sondaggio di Skuola.net, infatti, 1 ragazzo su 4 ha confessato che per riuscire ad avere informazioni durante lo svolgimento degli scritti, confida proprio su questa scatoletta tascabile. Resta alta comunque la quota di coloro che si doteranno di foglietti riassuntivi nascosti ovunque: ben 4 ragazzi su 10. E impazza naturalmente il toto traccia. Se il Miur Social ha twittato ieri che le prove saranno “in linea con i programmi” scongiurando quindi sorprese tipo “il Magris” dello scorso anno, i maturandi tornano a scommettere sugli autori di sempre. E i favoriti, secondo la rete, sono Pirandello, D’Annunzio. Non sono escluse sorprese come Marquez, Mandela e Papa Francesco.

Switch to our mobile site