«

»

dic 05 2012

Marco D’Acunti, studente premiato da Napolitano

Difficilmente Marco D’Acunti dimenticherà la giornata del 26 novembre, quando è salito al Quirinale per essere insignito dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, del titolo di “Alfiere del lavoro” per meriti di studio. Marco, diciannovenne, si è diplomato lo scorso luglio all’Erasmo da Rotterdam con 100 e lode e ha ottenuto il riconoscimento, insieme a soli altri 24 ragazzi in tutta la nazione, per la notevole  media di 9.69 maturata negli ultimi 4 anni di scuola superiore. «La richiesta è stata inoltrata dalla mia scuola – spiega –  ma devo dire che non sono nemmeno il più bravo:  a Roma alcuni degli altri ragazzi premiati rasentavano la perfezione». Scherzi o meno, resta l’emozione di un giorno indimenticabile: «Siamo tutti molto orgogliosi, sia i miei genitori che io. Sono molto grato ai miei professori e al mio preside Francesco Falbo: è anche grazie a loro che ho potuto raggiungere questi risultati ». Intanto, Marco sta progettando il futuro dopo le scuole superiori: ha partecipato al test d’ammissione al Politecnico, ma poi ha cambiato idea. «Sto frequentando, all’interno della facoltà di medicina e chirurgia, il corso di laurea in tecniche di neuro fisiopatologia: è un corso di studi molto particolare, che prepara tecnici di laboratorio per analisi ed esami. Mi interessa molto questo argomento e sono felice della mia scelta». (a.b.)

Switch to our mobile site