«

»

lug 13 2017

Intervista al capitano Giacolla

_DSC0209(Antonio Infuso). Questo mese incontriamo il capitano Luca Giacolla, comandante dei Carabinieri di Nichelino. Trentotto anni, siciliano, Giacolla è entrato nell’Arma nel 2003, dopo aver prestato servizio nell’Esercito e nell’Aeronautica Militare. A settembre 2013, con il grado di tenente, è stato assegnato al comando della Tenenza cittadina.

Come è stato l’impatto con Nichelino?

“Nichelino è la mia prima esperienza sul territorio, provenivo dalla “Cernaia” a Torino. L’impatto è stato meraviglioso e caldo. Ho scoperto una città accogliente e con una grande vitalità associativa e questo mi ha aiutato nei miei compiti. Ho subito instaurato ottimi rapporti con le istituzioni, la Polizia Locale, i comitati di quartiere, le parrocchie, la Croce Rossa e i cittadini”

Questi quattro anni nichelinesi hanno contrassegnato tappe importanti anche nella sua vita: il matrimonio con Michela (giugno 2014), la nascita del primogenito (2015) e la promozione a capitano (2016). Possiamo dire che Nichelino ha lasciato il segno?

“Per ovvie ragioni, resterà sempre nel mio cuore. Quando penserò al mio passato non potrò che gioire dei giorni nichelinesi. Qui è nato mio figlio, un momento indimenticabile”.

Come si svolge la giornata di un comandante dell’Arma?

“Innanzitutto la mia giornata non ha orari ed è esposta a parecchi imprevisti ed emergenze. A volte si è costretti a sacrificare la vita privata e la famiglia. Insomma, è un’attività al servizio della gente. La Tenenza è anche un punto di riferimento e di ascolto. Le problematiche sono sempre molte e ogni vicenda ha caratteristiche particolari. Poi c’è la gestione del personale. Fortunatamente dispongo di una squadra – composta anche da alcune donne – giovane, preparata, professionale e disponibile”.

Siete operativi 24 ore su 24. La notte come è organizzato il servizio?

“Siamo sempre operativi. Diverse pattuglie controllano il territorio anche nelle ore notturne. Poi, in caso di necessità, la Centrale di Moncalieri interviene in nostro aiuto”.

Quali sono le tipologie di reati più frequenti a Nichelino?

“Fortunatamente non si verificano i grandi atti criminali da “prima pagina”. La tipologia più frequente riguarda i furti nelle abitazioni e le truffe, soprattutto agli anziani. Ma su questi temi non lavoriamo solo a reato avvenuto. Abbiamo in piedi dei percorsi di prevenzione e di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini. In questo senso, stiamo preparando, in collaborazione con il Comune, un pieghevole informativo da distribuire sul territorio”.

A proposito delle truffe cosa consigliate?

“Abbiamo frequenti incontri con i comitati di quartiere, le parrocchie, l’Unitre e le altre associazioni, per spiegare come evitare le truffe. Non bisogna mai aprire la porta a sconosciuti, soprattutto se si presentano come funzionari pubblici, rappresentanti delle forze dell’ordine o tecnici e impiegati di gestori di servizi. Nel dubbio, invitiamo, in particolare gli anziani, a chiamare il numero unico delle emergenze, il 112: in pochi minuti una pattuglia arriverà per effettuare i controlli”.

E per i furti nelle abitazioni?

“Consigliamo di non “postare” sui social network immagini e commenti dai luoghi di vacanze: e una sorta di invito per i ladri. E’ opportuno, inoltre, dotarsi di un sistema di allarme possibilmente collegato alle centrale delle forze dell’ordine. Poi il senso di comunità, la collaborazione e l’attenzione tra vicini possono fare la differenza. Anzi li definirei quasi fondamentali”.

Per i casi di cyberbullismo?

“E’ una tipologia di reato che non riscontriamo in città. Ma nell’ambito della prevenzione facciamo incontri nelle scuole per sensibilizzare sia i ragazzi che le famiglie. In generale, per tutte le situazioni di potenziale reato è sempre meglio chiamare le forze dell’ordine”.

Come regola, dopo qualche anno, l’Arma vi assegna a nuovi incarichi. La attendono, a breve, esperienze professionali in altre località?

“Gli avvicendamenti sono normali nella nostra professione, perciò lascerò Nichelino in futuro. Ma, voglio sottolinearlo, porterò questa esperienza bellissima dentro di me, per sempre”.

Nel ringraziare il Capitano Giacolla per la disponibilità, ricordiamo i numeri di telefono per le emergenze: il 112, ovviamente, ma anche il numero della Tenenza di Nichelino (011.6272872) attivo sempre. Molte altre informazioni e riferimenti sono a disposizione sul sito ufficiale dell’Arma dei Carabinieri: www.carabinieri.it

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Switch to our mobile site