«

»

lug 09 2013

Guido Sardo: Medaglia al Merito (ex-deportato)

 

#Nichelino – Giorni speciali per il nostro concittadino Guido Sardo, classe 1923. Il 2 giugno, infatti, è stato insignito, a Torino, della Medaglia al Merito delle Repubblica Italiana. Sardo è uno dei pochi ex-deportati ancora viventi in provincia di Torino (ne sono rimasti solo sette). «Venne catturato al Brennero – spiega la figlia Marisa, ex insegnante alla De Amicis – dopo l’8 settembre, quando le truppe italiane erano allo sbando totale. Aveva 19 anni e lo portarono nel campo di lavoro di Danzica. Oltre 700 giorni di prigionia e schiavitù, a ricostruire le linee ferroviarie dei nazisti; tra fame, sofferenza, pidocchi, malattie e tanti compagni morti. Quando venne liberato dagli inglesi, era il 1945, pesava poco più di cinquanta chili». Riacquistata la libertà e la condizione fisica, Sardo tornò a fare il contadino, poi nel 1953 si trasferì a Nichelino, dove vive tuttora. «Di quei due anni – spiega Guido – non voglio più ricordare nulla»: una forma di rimozione più che comprensibile. La cerimonia si è svolta in occasione della Festa della Repubblica, nella bella cornice del Conservatorio “Giuseppe Verdi”. L’Assessore al Lavoro e alle Politiche Sociali, Cristina Laface, è intervenuta in rappresentanza della Città di Nichelino.

Switch to our mobile site