«

»

gen 08 2013

Dall’Italia: giovani disoccupati al 37,1%, è record

Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) a novembre è pari al 37,1%, si tratta del record assoluto, ai massimi sia dalle serie mensili, ovvero da gennaio 2004, sia dalle trimestrali, cominciate nel quarto trimestre ’92. Lo rileva l’Istat (dati destagionalizzati e provvisori). A novembre il tasso di disoccupazione giovanile, ai massimi da almeno venti anni, risulta così in aumento di 0,7 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 5,0 punti nel confronto tendenziale. Invece il tasso di disoccupazione a novembre resta all’11,1%, lo stesso livello di ottobre e quindi ancora ai massimi da gennaio 2004, inizio serie mensili, e dal primo trimestre del ’99, guardando alle serie trimestrali. Lo rileva l’Istat (dati destagionalizzati e provvisori). Su base annua il tasso è in aumento di 1,8 punti. A novembre 2012 tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro, ovvero disoccupate, sono 641 mila e rappresentano il 10,6% della popolazione nella stessa fascia d’età. E a novembre il numero di disoccupati resta vicino ai 2,9 milioni, precisamente pari a 2 milioni 870 mila, in lieve calo (-2 mila) rispetto a ottobre (la diminuzione riguarda la sola componente femminile). Su base annua, invece, la disoccupazione cresce del 21,4%, ovvero di 507 mila unità. Lo rileva l’Istat, in base a dati provvisori e destagionalizzati. Nel mese di novembre gli occupati sono 22 milioni 873 mila, in diminuzione dello 0,2% sia rispetto a ottobre, con un calo di 42 mila unità, sia su base annua, con una diminuzione di 37 mila unità. Il tasso d’occupazione maschile a novembre scende al 66,3%, si tratta del livello più basso sia dall’inizio delle serie storiche mensili, ovvero da gennaio 2004, sia dall’avvio delle trimestrali, cominciate nel quarto trimestre del 1992. (ansa)

Switch to our mobile site