«

»

mar 23 2012

Dal mondo: Obama, mio figlio come Trayvon

Se avessi un figlio, sarebbe come Trayvon”. Così il presidente americano Barack Obama si riferisce alla sparatoria in Florida che ha causato la morte di un teenager di colore. Obama chiede un’indagine completa sull’accaduto: ”Andremo fino in fondo”. Ecco il fatto: un vigilante, insospettito da un ragazzo di colore con il cappuccio della felpa sulla testa, ha aperto il fuoco uccidendo a sangue freddo il giovane. Trayvon, un bravo ragazzo di 17 anni, era uscito per andare a comprare della cioccolata in un quartiere a maggioranza bianca. La polizia locale ha sommariamente definito il caso come “legittima difesa”, nonostante le testimonianze dei presenti. Così, l’America ripiomba nella stagione prekennendiana, ben raccontata nel film “Mississipi burning”.

Switch to our mobile site