«

»

mar 13 2012

Dal mondo: novità sull’estinzione dei Neanderthal

Si pensava che una delle cause che portarono all’estinzione gli uomini di Neanderthal fosse l’arrivo dell’uomo moderno ( il Sapiens Cro-Magnon); ora pare che il loro declino iniziò 50.000 anni fa: ben 10.000 anni prima dell’incontro con i nostri progenitori, forse in conseguenza ai drastici cambiamenti climatici avvenuti durante l’ultima era glaciale. E’ quanto emerge da una ricerca genetica pubblicata sulla rivista Molecular Biology and Evolution. Il lavoro, frutto di una collaborazione internazionale guidata da Svezia e Spagna, si basa sull’analisi del Dna mitocondriale, ossia del Dna che si trova nelle centraline energetiche delle cellule e che viene ereditato per via materna. I campioni di materiale genetico sono stati prelevati da 13 esemplari fossili di Neanderthal. Dai risultati è emerso che la maggior parte dei Neanderthal in Europa era già scomparsa 50.000 anni fa: solo un piccolo gruppo di individui riuscì a sopravvivere e a ricolonizzare la parte centrale e occidentale del continente, in particolare l’area di Gibilterra. In queste zone i Neanderthal sopravvissero per altri 10.000 anni, prima che gli uomini moderni irrompessero sulla scena.

Switch to our mobile site