«

»

mag 24 2013

Cultura, coesione e storia: il libro de “Il cammello”

 

Un tuffo negli ultimi cinquant’anni di storia di Nichelino, dai movimenti di protesta all’associazionismo, dal volontariato allo sport, dalla cultura all’informazione. Questi sono i contenuti del lavoro di ricerca compiuto dagli “Amici del Cammello” per dare alle stampe “Cultura e coesione sociale a Nichelino”. La pubblicazione, realizzata con il contributo della Compagnia d San Paolo, è stata presentata – il 23 maggio, in sala Mattei. Angelo Riggio, fondatore de il “Cammello”, ha introdotto la serata; sono intervenuti il sindaco, Giuseppe Catizone, l’Assessore alla Cultura, Alessandro Azzolina, l’ex-sindaco Pier Bartolo Piovano, Giovanni Caracciolo e Don Paolo Gariglio. Attraverso le varie fonti (documenti amministrativi, giornali, volantini), gli autori (Elisabetta Maiolo Muscolo, Giorgia Ruggiero ed Emanuela Mazza, con il coordinamento editoriale di Franco Alessio) hanno provato a ricostruire la dimensione e i processi di sviluppo socio-culturale di una comunità, dal boom demografico degli anni Sessanta fino al nuovo millennio. Ecco, allora, affiorare la Nichelino dei molti dialetti, degli immigrati, delle grandi lotte per la casa, della prima Giunta Rossa dello storico sindaco Elio Marchiaro, dei primi centri di aggregazione. Una risalita lungo i labirinti della memoria di un luogo che è stato capace, nel corso del tempo, di trasformarsi da “città dormitorio” a “città del Superga”,  di tante iniziative e con diversi e importanti servizi territoriali  I ricercatori hanno anche il merito di avere ricostruito un’anagrafe di tutte le realtà associative (volontariato, sportive e culturali) attive in città. Sono molte  e rappresentano il segno distintivo della vocazione solidale dei nichelinesi e la forza propulsiva verso percorsi di aggregazione, di proposta e di condivisione. Il libro è venduto a prezzo di costo: 5 euro. Antonio Infuso

Switch to our mobile site