«

»

mar 06 2013

Covar14: con “Fada” si riparmia sulla spesa

E’ arrivata anche a casa dei nichelinesi la carta Fada (Fedeltà Amica dell’Ambiente), distribuita dal Covar14 alle 112.000 famiglie residenti nei 19 comuni in cui opera il consorzio per la raccolta dei rifiuti. La tessera sarà un strumento efficace  per incentivare comportamenti tesi a salvaguardare l’ambiente e a ridurre l’immissione di anidride carbonica nell’atmosfera. Sono tre i progetti inseriti in Fada e che il Covar 14 ha presentato a febbraio: “Mr Pet”, “Mr Island”e “Mr CO2”. Sarà proprio “Mr Pet” a inaugurare  la nuova avventura ecologica che vedrà Nichelino come Comune apripista. Dunque, in città sono previste due “macchine” destinate al conferimento delle bottiglie di plastica e in grado di consentire un riciclo di alta qualità, senza ulteriori passaggi di selezione dei rifiuti. Una “macchina” è già attiva in via Cacciatori,111, nel piazzale Carrefour. I nichelinesi, dopo aver attivato la tessera Fada sul sito www.covar14.it , potranno inserire la card nell’impianto, infilare le bottiglie di plastica e ricevere, in cambio, dei punti (scaricati sulla tessera) che consentiranno di ottenere sconti sulla spesa nei locali convenzionati (l’elenco, sempre aggiornato, è consultabile sul sito del Covar14). Ogni bottiglia darà diritto a un punto e ogni 200 punti si potrà usufruire di 3 Euro di sconto in acquisti. La seconda “macchina” verrà installata a Nichelino nei prossimi giorni; in totale, in tutta l’area gestita dal Consorzio sono previsti 14 “mangiatori di bottiglie”. Ognuno di questi impianti è in grado di contenere quanto normalmente può essere conferito in ben 30 cassonetti tradizionali: un dato davvero rilevante. Il Covar14 ha in cantiere anche i due progetti “Mr Island” e “Mr Co2” e oltre a puntare sulla sensibilizzazione e sull’incentivazione dei comportamenti consapevoli e virtuosi dei cittadini sul complesso problema dello smaltimento dei rifiuti e della salvaguardia dell’ambiente, intende coinvolgere il mondo delle scuole con iniziative e premi in materiale didattico.

Antonio Infuso

Switch to our mobile site