«

»

giu 08 2014

Ballottaggio: il giorno più lungo

DSC_0490(Antonio Infuso). Apertura regolare di tutti  i 45 seggi, sedi di voto, per il ballottaggio, tra Santo Cistaro e Angelino Riggio, che stabilirà chi sarà il nuovo sindaco di Nichelino. E’ il penultimo atto (quello finale sarà lo scrutinio), di una campagna elettorale che ha riempito, per le polemiche e i veleni, le pagine degli organi  di informazione. E il fatto che a contendersi la guida della città siano due esponenti della stessa area politica (il centrosinistra) ha alimentato ancor di più – come spesso capita fra parenti – le schermaglie. Quello che sta accadendo resterà nella memoria di Nichelino. Quando, fra diversi anni, si leggerà la storia della città, le elezioni del 2014 –  comunque vadano a finire – occuperanno un posto importante nella narrazione del percorso sociale, culturale e politico nichelinese;  e in una futura eventuale nuova edizione de “Nichelino come eravamo”, gli eventi di questi giorni verranno restituiti come uno spartiacque tra un prima e un dopo. Troveranno una collocazione insieme al boom demografico, alla città-dormitorio, alle lotte per i diritti, agli anni settanta di Marchiaro, al comune delle “cento associazioni e della solidarietà”, al riconoscimento del titolo di città, alla rinascita del Superga.  L’auspicio per Nichelino , come sempre accade dopo le grandi sfide, è che si ritrovi un clima di ricostruzione, di collaborazione e di rispetto. Nichelino è una città con un immenso potenziale.

Switch to our mobile site