«

»

mag 06 2013

Amalia Passaro, pittrice da… Nobel

 

Una nichelinese è nientemeno che Premio Nobel. dell’Arte. Si chiama Amalia Passaro, è di origine molisana e dipinge a Nichelino da anni: lo scorso ottobre è stata insignita a Montecarlo di questo premio biennale, indetto dalla galleria Artexpo: «Sono molto orgogliosa, perché si tratta di un’iniziativa internazionale e perché mi è stato conferito anche alla carriera». Passaro lavora infatti dagli anni Settanta, raccontando le mille sfaccettature della natura: «Ho sempre ammirato gli impressionisti e i post impressionisti nel loro modo di raccontare l’ambiente, che io amo profondamente, rispetto e voglio descrivere nella mia opera». Per questo Passaro, che insegna arte e immagine in un istituto privato a Moncalieri, non si definisce né impressionista né post impressionista, ma “Impressionista moderna”, profondamente calata com’è nell’epoca in cui vive e attenta a non imitare nessun grande della storia dell’arte: «Come detto ammiro tanti pittori, da Van Gogh a Cézanne, ma ogni artista esprime il suo essere, quindi non posso dire di ispirarmi a qualcuno». Ritirato il premio l’artista nichelinese, che fa parte dell’associazione “Nichelinart-Nuova edizione”, non si ferma: « Con il gruppo di artisti cittadini abbiamo esposto pochi giorni fa, a inizio aprile, a Lione, mentre a breve parteciperò all’esposizione della Promotrice delle Belle Arti a Torino». Con la voglia, un giorno, di presentare le sue opere anche nella  terra natia: «Mi piacerebbe esporre in Molise con mia sorella, anche lei artista molto nota. A dire il vero abbiamo già lavorato insieme, perché i chilometri ci separano, ma possiamo proprio dire che l’arte ci avvicina». (a.b.)

Switch to our mobile site