«

»

gen 27 2015

271: Giorno della Memoria al Factory

DSC_0421(Antonio Infuso). “Ricordo nel buio” è il percorso attraverso cui, oggi 27 gennaio, il Centro Giovani “Factory – Marco Fiorindo” e la Città di Nichelino hanno voluto celebrare il “Giorno della memoria” per non dimenticare la tragedia dei campi sterminio dei nazisti, culmine del “cuore nero” dell’umanità. Un centinaio di studenti del Maxwell e dell’Erasmo, accompagnati da alcuni insegnanti, si sono dati appuntamento nella struttura di Via del Castello per rivivere con le parole, la musica, le immagini e gli occhi della memoria di alcuni testimoni quella stagione infernale. Alle 9,30 gli studenti sono stati “depersonalizzati” con un simbolico numero – scritto a pennarello . sul polso – evocazione dei marchi con cui venivano tatuati i prigionieri di lager, divenendo così semplici cifre e perdendo la dimensione di persone e di esseri umani Poi divisi in due gruppi, i ragazzi hanno iniziato il viaggio nell’orrore. Nella “Grotta”, letture di brani, con sottofondo musicale del maestro Domenico Martucci e intervento del partigiano Paolo Ruffino. Nell’Auditorium, i racconti di un testimone: il professor Fubino della Comunità Ebraica. I gruppi si sono alternati nelle due sale e al termine si è svolto un dibattito. I testimoni oculari del delirio nazi-facsita stanno per scomparire, il tempo segue il suo corso naturale.  E l’unico modo per non dimenticare è trasmettere ai giovani il ricordo e l’esperienza dei tempo dei “campi di concentramento” e di una progetto folle che ha rischiato di struggere il mondo. Solo così non dimenticheremo mai. La regia e l’organizzazione della giornata sono stati affidati a giovani volontari che sono riusciti a realizzare un’iniziativa di alta qualità

Switch to our mobile site