«

»

nov 12 2012

10/11: Nickelclip, finale al “Blah Blah”

Si è svolta, il 10 novembre, al “Blah Blah” di Torino, la serata finale della sesta edizione di “Nickelclip”, il concorso nazionale per giovani videoautori, organizzato dall’Assessorato alle Politiche Giovanili, nell’ambito della kermesse “MyGeneration – L’immagine della musica”. Tra 23 i video finalisti (erano un centinaio i lavori inviati da tutta Italia), la giuria ufficiale – composta da Daniele Gaglianone, Stefano Boni, Matteo Bernardini e Antonio Infuso – ha assegnato i tre premi messi in palio dalla Città di Nichelino, promotrice del concorso. Al primo posto (1000 euro) si è classificato a “Qwerty” di Francesco Lettieri (musica di K-Conjog); al secondo (500 Euro) “Si stava meglio prima” di Jacopo Rondinelli (musica di Eva Mon Amour) ed al terzo (250 euro) La processione” di Hermes Mangialardo (musica di Muffx). La Giuria Ragazzi – composta da studenti dell’istituto “Erasmo da Rotterdam” e del “J.C. Maxwell” – ha invece premiato, nell’ordine, When I think about sex” di Osvaldo Supino (musica dello stesso regista), “The End” di Matteo Scotton (musica di Resando) e Brain, body and soul” di Gianluca Mangiasciutti (musica di Mementoz). Soddisfatto del successo di “Nickelclip”, l’Assessore alle Politiche Giovanili, Diego Sarno: “MyGeneration e Nickeclip continuano costantemente a crescere. Quest’anno la manifestazione si è conclusa a Torino, al “Blah Blah”, una location perfetta per la proiezione dei videoclip e la premiazione dei giovani autori. E’ un segno importante della dimensione che sta assumendo il concorso”. Il programma di “My Generation – L’immagine della musica”, partito il 27 ottobre, ha spaziato in tutti gli aspetti della creatività delle immagini legate alla musica, ponendosi come passerella e momento di analisi delle nuove tendenze, senza dimenticare la dimensione storica del fenomeno culturale. La manifestazione si chiusa, sempre al “Blah Blah”, l’11 novembre, con il programma KFX Visual Noize Show”, un mash up cinematografico musicato dal vivo da un collettivo di giovani artisti che lavorano su un montaggio di immagini cinematografiche, serie tv, videogiochi e cartoni animati che hanno attraversato l’immaginario della fantascienza degli anni Ottanta. (ANTONIO INFUSO) 

Switch to our mobile site